News Ticker

Menu

9° Articolo di MARIT BECH dal libro “La Danza Classica” - Esposizione dei vari metodi

Condividi:


9° Articolo di MARIT BECH dal libro “La Danza Classica” - Esposizione dei vari metodi

9° Articolo di MARIT BECH dal libro “La Danza Classica” - Esposizione dei vari metodi


Arabesque 
Il metodo Vaganova ha 4 arabesques, il metodo Cecchetti invece ne ha 5.


Qui ci soffermeremo solo sulle 4 arabesques russe poiché basterebbe cambiare di poco, con un plié o con una posizione di braccia, per avere altri tipi di arabesque.

Che cos'è allora l'arabesque? Generalmente è un modo di avere la gamba (o l'una o l'altra) tesa all'indietro all'altezza di 90°. Ci sono vari modi di arabesque, allora quale è la differenza tra quelli russi, francesi o italiani?

L'arabesque francese è “sdraiato” cioè molto abbassato e con il corpo in avanti senza badare a mantenere la testa dritta e lunga, le braccia (avanti e laterale) sono corte e rotonde come se fossi alla sbarra.

L'arabesque italiano è quello con il corpo del tutto dritto e il braccio laterale è più dietro rispetto alla posizione di 2a.

Quindi questi due arabesque descritti risultano: il primo moscio (francese) e il secondo corto (italiano).

Quello russo è poco inclinato ma allungato in avanti, con la testa alta e le due braccia tese,con morbidezza che parte dai gomiti (sia il b. avanti che quello alla 2a) che conferiscono forza e allungamento a tutta la figura. Difatti in questo modo l'arabesque sembra che si allunghi e non risulta fermo come gli altri. Nel modo russo le spalle sono sempre alla stessa altezza.

N.B. A nostro avviso bastavano solo due tipi di arabesques e i cambiamenti di direzione si poteva pure dire tipo effacée o croiseé. In seguito chi capirà potrà vedere che realmente cambia solo la gamba in rapporto alle braccia e la direzione del corpo.

1à arabesque (aperto)

E' un'arabesque aperto in effaceé.

N.B. Prendiamo tutti gli arabesques dove la dx è la gamba di terra e la sx è alzata a 90° all'indietro.

Il br. dx è teso in avanti verso p.3, il br. sx è in 2a teso e va verso il pubblico. Lo sguardo è dritto verso il braccio avanti, cioé il br. dx.

Per fare un buon arabesque si deve porre l'attenzione sull'aplomb della gamba di terra cioè premere giù e al tempo stesso fare un “tiraggio” tra la mano avanti e la gamba alzata dietro, come se si volesse allungare un filo immaginario tra i due.

2à arabesque

Per arrivare in 2à arabesque dal 1à basterebbe cambiare braccia (passando dalla prep.) portando la spalla sx leggermente in avanti, stavolta lo sguardo è verso il pubblico.

In realtà la testa è in posizione “sopra la spalla sx” con viso e occhi rivolti al pubblico.

Nella 2à arabesque il braccio alla 2a è allungato indietro e non laterale.

3à arabesque (croiseé)

Se la 1à e la 2à arabesque vengono fatti di profilo o in effacé, la 3à e la 4à sono in diagonale (croisé) verso il pubblico. Ricordiamo che siamo sempre poggiati sulla g. dx. Il corpo va verso l'angolo sx (guardando verso il pubblico dal palco), il br. sx è avanti e il br. dx alla 2a.

Rispetto alla 1à arabesque diremmo qui sono cambiate le braccia ed il corpo ma lo sguardo è verso l'angolo e non verso la parte laterale (le quinte).

4à arabesque

Qui avviene un passaggio, un cambiamento di braccia e il corpo si gira per la linea diagonale.

Qui tutto rimane in croiseé, il corpo verso l'angolo, un braccio dritto avanti e uno dritto all'indietro. La spalla dx è rivolta al pubblico dando così  la schiena.

Attitude

 l'attitude accademico è quello avanti o dietro in croiseé o effaceé.

La regola della direzione e delle braccia è come nel croiseé o effaceé quindi anche qui con i vari cambiamenti o varianti.

L'attitude effacé russo è quasi un arabesque, il ginocchio è poco piegato e la gamba è molto allungata e si tende ad alzare la gamba(il piede) il più possibile.

N.B. Nei giri in attitude la piega della schiena è verso la gamba dietro, in altre scuole, francesi o italiane, l'altezza delle spalle non è uguale invece nella scuola russa le spalle sono sempre alla stessa altezza. L'attitude si può fare sulla ½ punta, e plié.

Ecarté

Come già abbiamo detto l'ecarté è solo una questione di direzione, quindi significa alzare le gambe tese nella direzione di diagonale.

Le braccia variano in base a vari metodi:

⦁    in Vaganova si alza sempre il braccio della gamba alzata in 3a
⦁    secondo Balanchine si alza il braccio che va verso il pubblico in 3a


Passi basilari di collegamento

La camminata è il primo passo di collegamento, poi c'è la corsa e poi il passo di collegamento più usato è la glissade. Già il nome indica che si tratta di un passo di tipo scivoloso ,perciò consiglieremo di fare attenzione nell'impostarlo, non deve essere troppo strisciato ma neanche troppo saltato altrimenti diventerebbe una specie di Jeté fermé.

Il pas de boureé suivi è una specie di camminata veloce, quasi una corsa, in 5a.


Glissade

Il modello base è quello di cominciare dalla 5a plié, uscire con una gamba lateralmente alla 2a, cambiare peso su questa gamba e chiudere con l'altra in 5a plié en face. Non si deve strisciare ma eseguire una piccola spinta nel passaggio di peso da una gamba all'altra con le gambe ben tese in aria.

E' bene insegnare la glissade lateralmente senza cambiamento di gamba quindi in una direzione e poi nell'altra.


Marit Bech

Condividi:

Post Tags:

No Comment to " 9° Articolo di MARIT BECH dal libro “La Danza Classica” - Esposizione dei vari metodi "

  • Per inserire un Emoticon Show Icons
  • Per aggiungere codice usa [pre]code here[/pre]
  • Per inserire una immagine usa [img]IMAGE-URL-HERE[/img]
  • Per inserire un video di youtube incolla un link come questo http://www.youtube.com/watch?v=0x_gnfpL3RM