News Ticker

Menu

Articolo #05 di Marit Bech per Mosse.it - Dal libro la Danza Classica

Condividi:


Articolo #05 di Marit Bech per Mosse.it - Dal libro la Danza Classica
Grand Battement Jeté Balancé (o cloche) si esegue solo avanti e dietro. Quando incomincia dal pointe dietro va in avanti e torna indietro in pointe passando dalla 1a.(Balanchine).

E' conosciuto come: grand battement en cloche oppure grand battement en balancoire.

In quest’ultimo (balancoire) grand battement il corpo oscilla avanti e dietro, se il battement è avanti il corpo si lascia andare un po' indietro, se invece il battement è dietro il corpo può oscillare in avanti. Questi “spostamenti” del corpo sono ben pensati dalla scuola russa poiché allungano la visione del corpo e della posa.

Il grand batt. balancé alla 2a è diverso ma anche qui il corpo si piega dando un'immagine più allungata.(si fa al centro).

Esempio: si fa grand batt. alla 2a (faccia alla sbarra e al centro), si chiude in 5a e si esce immediatamente dall'altra parte con l'altra gamba in grand batt. alla 2a e così via come “un'altalena” alternando la gambe. Attenzione per far si che non diventino grand batt. normali alla 2a bisogna curare il ritmo e cioè nel tempo di un grand batt. si deve fare anche l'altro senza fare la pausa in 1a o 5a poslz.

Nota generale per fondu, développé, attitude, frappé e qualsiasi forma con il ginocchio piegato: quando si apre in avanti il pensiero va al tallone avanti ben voltato, alla 2a pensare bene alla voltatura della coscia e nel dietro mandare prima il ginocchio.


Epaulement

Il “comportamento” del busto, del corpo e della testa. L'epaulement viene eseguito con il corpo e il viso rivolti al pubblico stando in croisée e effacé.

In 1a e 2a posizione (dei piedi) è generalmente en face, in (3a) 4a e 5a avviene il “giro” della testa e delle spalle (busto) secondo le regole dell'epaulement.

Se si sta in croiseé dx.av. la testa e la spalle vanno verso l'angolo opposto. La stessa regola vale per l'effaceé.

Regola: testa nell'angolo contrario della gamba davanti.

Gli angoli sono descritti dal punto di vista del ballerino che sta sul palco.

Se siamo in effaceé con la g. dx avanti busto e spalle all'angolo dx e testa all'angolo sx.


Croiseé  (di base)

La gamba è incrociata in rapporto all'angolo quindi:

1.   gamba dx verso angolo sx

2.   gamba sx verso angolo dx

Le braccia sono incrociate: il braccio che va in 3a posizione “incrocia” con la gamba avanti, l'altro braccio va in 2a posizione (Vaganova lo chiama Grand Posa) La testa incrocia l'angolo prescelto sia in croiseé che in effaceé.

N.B. Comunque le braccia e la testa possono variare, si possono scambiare le braccia, lo sguardo e la testa tipo: sotto il braccio, girata all'indietro, con gli occhi in su ect.

Il croiseé dietro è uguale a quello avanti basta solo cambiare l'appoggio della gamba.


Effaceé

In effaceé la linea delle gambe è aperta.

Esempio (in avanti):

1.   gamba dx verso angolo dx

2.   braccio in 3a “incrocia” la gamba, quindi br. sx in3a

3.   testa va ad “incrociare” quindi verso angolo sx

4.   corpo leggermente all'indietro così la posa si allunga.

N.B. Se nel croiseé la posa è forte ed imponente nell'effaceé viene allungata e slanciata, sia avanti che dietro, ed è più “debole” del croiseé.

Dietro è solo un cambiamento di peso, il busto è leggermente avanti (appunto per la forma più lunga).


Ecarté

In écarté tutto avviene lungo la linea della diagonale del palcoscenico, è un tipo di tendu o développé alla 2a in diagonale però la parte superiore del corpo e la testa sono rivolti verso il pubblico e non verso l'en face della 2a.

Ci sono vari tipi di braccia; secondo Balanchine il braccio in 3a è sempre quello rivolto al pubblico insieme alla gamba non ha importanza quale gamba sta avanti o dietro; secondo Vaganova il braccio in 3a è quello della gamba alzata (o posa sul pointe) e lo sguardo dell'ecarté dietro va verso l'angolo contrario mentre lo sguardo dell'écarté avanti va verso il braccio alzato in 3a (come in effaceé).


Aplomb – Stabilità

Riteniamo che l'aplomb sia molto legato ad ogni tipo di fisico, per averlo è bene innanzitutto pensare che più peso si spinge verso il basso e più stabilità si avrà (vedi soldatini di piombo); per “appesantire” questa base si deve rivolgere il pensiero ed il corpo a spingere verso giù ottenendo così di “ancorarsi” verso terra. Questo suggerimento vale anche per la ½ punta e il lavoro in punta.

E’ molto difficile poiché sembra contrario al “stirarsi” in su della forma basilare del ballare della danza classica.

Come soluzione si può dire di essere incollati per terra che da la possibilità di tirarsi su.

Altro fattore importante sono le braccia che servono ad equilibrare il tutto. Va ricordato che quando un arto del corpo sta fuori baricentro (p.es. Arabesque)

bisogna equilibrare il peso tenendo conto dell'arto lavorante oltre a continuare a spingere il peso verso terra ma tirarsi su; poi c'è da affrontare il lavoro della parte superiore del corpo e quello inferiore ma qui già entriamo nel mondo dei giri.

L'aplomb è la stabilità della gamba che sta (e deve essere) in verticale; l'equilibrio è composto da tanti fattori quali braccia, testa e gamba lavorante.

Visto che parliamo di equilibri siamo nel mondo dei “sostenuti” quindi vorremmo aggiungere che nei vari développé le braccia si muovono (o scendono in 2a pos. prima della gamba per far apparire quest'ultima più lunga e sostenuta.

Nell'allegro non c'è bisogno di lavorare al massimo l'estensione delle braccia poiché qui si da importanza alle gambe che devono sembrare anche più veloci, quindi le braccia hanno movimenti più corti.

Condividi:

Post Tags:

No Comment to " Articolo #05 di Marit Bech per Mosse.it - Dal libro la Danza Classica "

  • Per inserire un Emoticon Show Icons
  • Per aggiungere codice usa [pre]code here[/pre]
  • Per inserire una immagine usa [img]IMAGE-URL-HERE[/img]
  • Per inserire un video di youtube incolla un link come questo http://www.youtube.com/watch?v=0x_gnfpL3RM